Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, importanti per navigare il sito correttamente, per analizzare il traffico e per ottimizzare e personalizzare lesperienza degli utenti in base agli interessi. Per più dettagli leggi le nostre Privacy e Cookie Policy.

Qui sotto troverai tutti i diversi tipi di cookie utilizzati su LG.com e potrai scegliere se approvarne lutilizzo o meno. Cicca ACCETTA per permettere lutilizzo dei cookie.

FUNZIONALI

Ti permettono di vedere le recensioni dei prodotti, dove comprarli e i prodotti visti di recente.

SOCIAL MEDIA

Consentono di condividere su Facebook, Twitter e altri Social Media.

ANALISI

Servono ad acquisire e analizzare i dati relativi al traffico generato dal sito.

PUBBLICITARI

Consentono di effettuare attività pubblicitarie.

5 cose da sapere su LG G Flex, il primo smartphone curvo

Mobile, Serie G, Smartphone| 3 minuti

 

Dopo aver innovato il settore degli smartphone con LG G2, LG ha deciso di fare un altro deciso passo avanti sulla strada dell’evoluzione della categoria. Ha così realizzato il primo smartphone curvo sul mercato, LG G Flex. Un prodotto, quindi, che segue la forma del nostro viso e ci regala un’esperienza utente rivoluzionaria: per farlo ha dovuto studiare non solo un nuovo design, ma anche riprogettare gli “interni”, per esempio la batteria.

In questo post vogliamo presentarvi questo straordinario prodotto. Più che discutendo della notevole dotazione tecnica (processore quad-core da 2,26 GHz, disply HD da sei pollici, 2 Gb di memoria, fotocamera da 13 Megapixel dietro e 2,1 Megapixel davanti e altro ancora), elencandone le cinque caratteristiche fondamentali.

LG G Flex

1. Questione di curve

La curvatura di LG GFlex riduce la distanza tra la bocca e il microfono quando il dispositivo è tenuto all’orecchio: questo migliora notevolmente ricezione e trasmissione della voce e del suono (+3dB rispetto agli smartphone tradizionali). L’angolo di curvatura è adatto a praticamente tutti i tipi di volti, visto che è stato calibrato sul volto medio.

Il design curvo offre anche un maggior grip, una miglior impugnatura, e si adatta anche alle tasche posteriori. Lo schermo offre anche l’esperienza di visione dei filmati di tipo IMAX, con angoli di visione ottimali. Anche per videogiocare!

 

2. I tasti posteriori

Abbiamo parlato diffusamente dei tasti posteriori di LG G2 come di una vera e propria rivoluzione (vedi qui). Un’innovazione troppo importante per non trasferirla anche su G Flex. Ricapitolando: niente tasti frontali o laterali, così da evitare di premerli accidentalmente, e tasti solo sul retro, per poter governare il terminale, soprattutto durante le chiamate, con il solo dito indice.

Altra innovazione ereditata dal G2: il Knock-on.

 

3. Un lavoro di squadra

Lo sviluppo di un prodotto così innovative è stato possibile solo grazie all’aiuto delle aziende gemelle LG Display e LG Chem. Partiamo dal contributo della divisione schermi. Il display da sei pollici è il più grande Plastic OLED (POLED) in circolazione. È sottile ma molto resistente, è molto brillante e offre colori definiti, grazie a Real RGB (ogni pixel contiene tre sotto-pixel: rosso, verde e blu).

La divisione chimica, LG Chem, invece ha contribuito realizzando la prima batteria curva al mondo. È stata usata la tecnologia brevettata “Stack & Folding”, che permette di ottimizzare la batteria nonostante la curvatura. La capacità della batteria è di 3500 mAh, più che sufficiente per una giornata di lavoro.

 

4. Il rivestimento si autoripara

Altra grandissima invenzione: il rivestimento posteriore, in plastica, si autoripara quando subisce dei graffi. In pratica ha qualità “auto-rigenerative”. Eccone una dimostrazione in questo video:

 

5 Feature personalizzate

Oltre al Knock-on, LG GFlex include una serie di feature ideate da LG davvero interessanti.

Per esempio QTheater permette di accedere velocemente a foto e video direttamente dalla schermata di blocco. Dual Window, invece, divide l’ampio schermo in due finestre, per un vero multitasking. Swing Lockscreen cambia l’immagine della schermata di blocco a seconda di come si impugna lo smartphone. Face Detection Indicator mostra una luce verde quando il volto dell’utente viene riconosciuto. Camera Timer indica, con una luce LED, che il countdown è iniziato. Urgent Call Alert sfrutta una luce LED rossa per indicare all’utente che non ha risposto a più chiamate da parte della stessa persona.

Last modified: 24 Ottobre 2017

One Response to :
5 cose da sapere su LG G Flex, il primo smartphone curvo

  1. massimo del gais ha detto:

    uauuu”’ LG siete troppo avanti!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *