Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, importanti per navigare il sito correttamente, per analizzare il traffico e per ottimizzare e personalizzare lesperienza degli utenti in base agli interessi. Per più dettagli leggi le nostre Privacy e Cookie Policy.

Qui sotto troverai tutti i diversi tipi di cookie utilizzati su LG.com e potrai scegliere se approvarne lutilizzo o meno. Cicca ACCETTA per permettere lutilizzo dei cookie.

FUNZIONALI

Ti permettono di vedere le recensioni dei prodotti, dove comprarli e i prodotti visti di recente.

SOCIAL MEDIA

Consentono di condividere su Facebook, Twitter e altri Social Media.

ANALISI

Servono ad acquisire e analizzare i dati relativi al traffico generato dal sito.

PUBBLICITARI

Consentono di effettuare attività pubblicitarie.

Chi vincerà la Mostra del Cinema di Venezia?

Eventi LG| 2 minuti

leone

La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia è agli sgoccioli, e quest’anno il giudizio quasi unanime degli addetti ai lavori è che il livello dei film in concorso e fuori concorso è altissimo, molto più alto che nelle scorse edizioni. Roman Polanski, David Cronenberg, Steven Soderbergh e Steve McQueen hanno portato al festival film strepitosi, tesi, densi; Al Pacino si è riconfermato come regista, oltre che come attore pluripremiato; gli italiani, guidati da Emanuele Crialese e dall’applauditissimo Gipi, non hanno sfigurato affatto.

Il pissi pissi fra i giornalisti presenti è che la Coppa Volpi andrà a Michael Fassbender, per la doppia interpretazione di Carl Gustav Jung in A Dangerous Method e per la parte da protagonista in Shame di McQueen.

Fra gli italiani, il grande favorito è lo struggente Terraferma, insidiato per la categoria “Controcampo italiano” da L’ultimo terrestre, mentre ci vorrà molto tempo perché si riassorba la delusione strisciante nei confronti di Quando la notte di Cristina Comencini, a lungo fischiato dalla stampa alla prima proiezione, con tanto di urla a base di “Vergogna!”

Delusione anche per il film di Louis Garrel con Monica Bellucci, definito “sconclusionato” e “imperdonabile”, mentre con il passare dei giorni si è un po’ placato il dissenso sul film di Madonna, W./E., riabilitato almeno sotto il profilo della scelta dei costumi.

LG ti porta al Festival di Venezia

La gara è ancora aperta.

Last modified: 17 Gennaio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *