Mobile Web 2009 – Cosa ci aspetta?

Monitor Gamer| 3 minuti

arena-lg-km900_03
Il mobile web ha decisamente subito una svolta negli ultimi 2 anni, ricevendo l’attenzione di tutte le più grosse industrie di telefonia mondiali, lanciandosi una sfida dopo l’altra per aggiudicarsi una posizione di prestigio su questo nuovo ramo del settore. Ma tutti questi sforzi a cosa hanno portato?

Molte autorità nel campo asseriscono che il mobile web è ancora lungi dal mostrare appieno il suo potenziale.
Ecco cos’hanno da dirci in proposito.

Max Mancini, director of platforms and mobile di EBay: “Il primo girone di entusiasmi sul mobile web finì ben presto perché si mirava solamente a trasferire il desktop del computer direttamente sul telefono […] il mobile device non è uno strumento alternativo per sperimentare il web, ma un mezzo per un’esperienza del tutto nuova. Per essere vincente lo smartphone deve diventare un’estensione del web, riuscendo ad integrare in quest’ultimo tutte le caratteristiche che lo formano, come la fotocamera, la location, i contatti, ecc.”.

Ernest Doku, del sito Omio.com: “Bisogna guardarsi dal replicare il desktop sul nostro telefono, ciò che l’utente vuole è completamente diverso dall’esperienza che si ha davanti ad un PC”.

Jennifer Pahlka, di TechWeb e conduttrice delle conferenze e dei summit di Web 2.0: “In passato si è visto il telefono come un secondo schermo […] I programmatori creavano programmi per il PC per poi adattarli ai telefoni. Ora stiamo assistendo ad una grossa svolta con applicazioni e servizi creati esclusivamente per l’industria mobile grazie alle quali la gente impara ad usare il loro telefono in numerosi nuovi modi”.

E Google con chi sta?

Ed insieme ai grandi nomi dell’industria telefonica non poteva certo mancare il mastodontico Google nello sviluppo di questo ramo del mobile. Una società che, senza stupire nessuno, ha subito capito da che parte tirava il vento e si è adattata di conseguenza.

Vic Gundotra, vice president of engineering a Google ha dichiarato che il passaggio al settore della telefonia mobile è stato una progressione naturale per un gigante come loro.
“L’intero mondo si sta spostando sul mobile, e il cellulare è il più personale dei computer. La loro espansione e sviluppo sono in costante crescita e questo avrà senz’altro un impatto grandissimo sul futuro di Google. Quest’anno venderemo più telefoni abilitati al web dell’intero mercato dei net-book. Questo aggeggino diventerà il nostro agente, ci supporterà durante la giornata con consigli lavorativi e non, sarà in pratica nostro amico[…] Tramite il settore mobile e Google noi renderemo tutta l’informazione mondiale accessibile ed usufruibile per tutti”.

Di certo Google non scherza e i dati parlano chiaro, al momento ci sono circa 4 miliardi di telefoni cellulari nel mondo, tutte persone che, nell’ultimo decennio, hanno avuto la possibilità di sperimentare un nuovo tipo di comunicazioni e che ora non vedono l’ora di vivere anche il web in maniera completamente nuova e personale.

Last modified: 8 maggio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *